Cannolo siciliano con ricotta

  • Ingredienti:
  • gr. 500 di farina
  • kg. 1 di ricotta fresca
  • kg. 1,5 di strutto
  • gr. 50 di burro
  • buccia di 1 limone non trattato
  • 1 limone intero
  • mezzo bicchiere di Marsala
  • 2 albumi
  • 1 tuorlo di uovo
  • gr. 400 di gocce di cioccolato fondente
  • granella di pistacchio di Bronte
  • frutta candita mista (ciliegie, scorze di arancia, zuccata)
  • 2 cucchiai di zucchero
  • zucchero a velo
  • gr. 500 di zucchero
  • pizzico di sale
  • pizzico di vaniglia

Preparazione della cialda

Versare in una scodella la farina, i due cucchiai di zucchero, il tuorlo d’uovo a temperatura ambiente, il burro fuso a bagnomaria, la vaniglia, la scorza di limone ed il sale.
Impastare accuratamente, aggiungere il marsala e continuare ad impastare. Il composto si presenterà appiccicoso.
Creare delle piccole sfere con la pasta e stirarle, ottenendo dei dischi, aiutandosi con un mattarello. Montare a neve gli albumi facendo attenzione che non smontino. Avvolgere il disco di pasta attorno ad una formina per cannoli ed utilizzare un poco degli albumi montati a neve per unire i due lembi.
Riporre lo strutto in un tegame facendolo sciogliere e portandolo ad ebollizione. Aggiungere il limone nello strutto fino a quando non si sarà rosolato. Friggere i cannoli nello strutto liquefatto; non appena saranno dorati metterli a scolare su della carta assorbente.

Preparazione della crema di ricotta

In una terrina versare la ricotta e lavorarla con lo zucchero finchè si sarà ottenuta una crema vellutata. Aggiungere le gocce di cioccolato fondente.
Con l'uso di un saccapoche versare la crema e riempire le bucce dei cannoli una per una prestando attenzione a non lasciare spazi cavi dentro. Guarnire la ricotta alle estremità del cannolo con un po' di granella di pistacchio.
Una volta preparati tutti i cannoli, spolverizzare con lo zucchero a velo aiutandosi con un colino. Decorare con ciliegie candite, scorze d’arancia candite o zuccata come da tradizione.

Servire non appena pronti a temperatura ambiente.

Letto 85 volte