GIORNI E ORARI D'APERTURA:
lunedì - martedì
pranzo (10:00 - 14:45)
mercoledì - sabato
pranzo (10:00 - 14:45)
cena (19:45 - 22:40)
domenica
(solo dicembre)
pranzo (10:00 - 14:45)

Dove siamo - vedi mappa
Dove siamo
(vedi mappa)

piatti tipici

crespelle con acciughe (crispelle catanesi)

  • - gr. 250 di farina 00
  • - gr. 250 di acqua minerale naturale a temperatura ambiente
  • - mezzo cubetto di lievito di birra fresco (in alternativa un cucchiaino di lievito di birra liofilizzato)
  • - 4 acciughe sotto sale
  • - olio per friggere
  • - sale
  • - zucchero

Ricetta per 4 persone.

Sbriciolare il lievito di birra fresco e scioglierlo nell'acqua (nel caso in cui si utilizzi quello disidratato, aggiungerlo direttamente alla farina dopo averla setacciata).
Setacciare quindi la farina in una ampia bacinella ed unire un cucchiaino di sale ed uno di zucchero, mescolare lentamente ed aggiungere l’acqua con il lievito di birra.
Continuare a mescolare (con una frusta o con le mani) in modo da ottenere una pastella quasi liquida e, condizione fondamentale, priva di grumi.
Coprire la bacinella con uno strofinaccio da cucina ed avvolgere il tutto con una coperta. Lasciare lievitare in luogo caldo (vicino ad un calorifero o nel forno preriscaldato a 60 gradi e poi spento) per un paio d'ore.
La pastella sarà comunque pronta quando avrà raddoppiato il proprio volume e sarà ricoperta di bolle.
Nel frattempo diliscare e sciacquare le acciughe sotto acqua corrente adagiandole, dopo, ad asciugare su carta assorbente per alimenti. Una volta asciutte, tagliare le acciughe in piccoli pezzi.

Appena pronta la pastella, riscaldare l'olio in una padella dai bordi alti a circa 170 gradi e disporre parte dei pezzi di acciughe sulla superficie dell'impasto lievitato.
Con l'ausilio di due cucchiai (o, secondo tradizione, utilizzando direttamente le mani unte di olio o semplicemente bagnate d'acqua) prendere delle porzioni di pastella, facendo attenzione che siano presenti al loro interno almeno 1 o 2 pezzi di acciuga, cercando di dargli una forma sferica ed immergendole nell'olio bollente.
La pastella deve galleggiare nell'olio e deve essere girata al fine di avere un colorito ed una cottura uniformi. La cottura sarà abbastanza veloce.
Una volta terminati i pezzi di acciuga sulla superficie dell'impasto, distribuirne altri come fatto in precedenza e ripetere l'operazione.
Le crespelle vanno tolte dall'olio quando il colore è ancora abbastanza chiaro poichè si dovrà procedere, dopo averle adagiate per qualche minuto su della carta assorbente per alimenti, con una seconda cottura.
Infatti, una volta che tutte le frittelle saranno state passate nell'olio, si effettuerà un secondo passaggio nell'olio bollente analogo al primo facendo sempre attenzione a togliere le crespelle dall'olio prima che cuociano troppo.
Questo secondo passaggio serve a fare in modo che l'interno della frittella cuocia correttamente senza che l'esterno si bruci.

Una volta pronte, disporre le crespelle su della carta assorbente per alimenti e servire ancora calde.

Nota:
questa pagina contiene una ricetta tipica siciliana messe a disposizione dei visitatori del sito, non si tratta di un piatto presente nel menù della trattoria Ferro di Cavallo.
Per ogni esigenza particolare potete contattarci e faremo il possibile per accontentare le vostre richieste.